martedì 9 aprile 2013

ATTACCHI DI PANICO: COME AIUTARE UN AMICO CHE NE SOFFRE


Ciao a tutti e ben ritrovati nel mio blog. 
In questo post, vorrei parlarvi di attacchi di panico ed in particolar modo di come potreste aiutare un amico o una persona vicina a voi che ne soffre.
Ovviamente io non sono uno psicologo, scrivo questo post basandomi su esperienze personali visto che soffro di attacchi di panico da ormai due anni, quindi dividerò il post in tre fasi spiegandovi per ognuna in che modo potreste offrire il vostro aiuto.

-FASE 1: L’ACCETTAZIONE
La maggior parte delle persone a cui viene diagnosticato l’attacco di panico tende a non crederci, si pensa di avere qualcosa di grave, che può essere un tumore o la sclerosi multipla ad esempio; oppure, nella maggior parte dei casi, un problema al cuore essendo che uno dei sintomi dell’attacco di panico è proprio la tachicardia.
Dunque il vostro primo compito e fargli accettare che si tratta di questo, allontanando tutti i dubbi che deviano la sua attenzione su qualcos’altro.
Per convincerlo, accompagnatelo a fare tutti gli esami necessari di modo che possa convincersi che non ha nessun altro tipo di malattia.


-FASE 2: LA CONVINZIONE
Purtroppo, la convinzione di chi soffre di attacchi di panico è che tutto ciò presto sparirà da solo, ma non è così, e più tardi si comincia a curarli e peggio è, essendo che tendono a peggiorare con l'avanzare del tempo.
Per combattere questa malattia ci si deve affidare ad uno psicologo, o quanto meno fare una prima seduta per capire se si ha bisogno di fare un percorso psicoterapeutico.
Molto spesso la psicoterapia consiglia di rivolgersi parallelamente ad uno psichiatra, in quanto solo quest’ultimo è in grado di prescrivere farmaci se necessario.
L’uso di psicofarmaci (pur sempre in maniera moderata), permette di avere un piccolo supporto almeno durante il primo periodo di psicoterapia.
Molte persone, hanno paura di assumere psicofarmaci, perché pensano che possano avere chissà quale effetto sulla loro mente, ma credetemi, girano molto leggende su di essi.
Ad ogni modo, quando un medico inizia a somministrarli, parte da una dose molto bassa, di modo che il farmaco possa essere interrotto nel caso dovesse insorgere qualsiasi tipo di problema.


-FASE 3: ESSERE PRESENTI
Le persone che soffrono di attacchi di panico, dopo un po’, tendono a chiudersi in casa o comunque ad isolarsi dal resto del mondo; quando gli si chiede di uscire inizieranno a dire sempre di no, per poi alla fine smettere di cercarvi.
Dovrete insistere per fare uscire di casa il vostro amico, o quanto meno andare a fargli compagnia a casa; fategli capire che ci siete per lui, fate il possibile per evitare che si chiuda in casa con la paura di uscire, poiché se succede ciò la cosa si complica ulteriormente.


Ecco, questi erano i tre consigli che volevo darvi riguardo agli attacchi di panico.
Spero di esservi stato utile, e per qualsiasi domanda a riguardo contattatemi pure.

Seguimi su twitter

6 commenti:

  1. Ottimo intervento! Chiaro e preciso.

    RispondiElimina
  2. Quanto sei bravo, dolce e disponibile. Penso tu sia una delle persone più altruiste che esistano, ti interessi sempre così tanto degli altri...sai quando leggi qualcosa, qualsiasi sia l'argomento, e ti viene quella sensazione di felicità mista a sensibilità quasi melanconica..quella sensazione come quando saluti qualcuno con un abbraccio...questo mi fa sentire il tuo blog;) grazie Beck di tutto

    RispondiElimina
  3. Ricordo che tempo fa avevi fatto anche un video riguardo al tema di questo post (forse sul vecchio canale, se non sbaglio). Come credo di averti già detto in quell'occasione sei sicuramente da ammirare per aver scelto di condividere la tua esperienza cercando di essere utile ad altri nella stessa situazione. Molti in questi casi manderebbero tutto e tutti a fanculo e non si preoccuperebbero certo di essere d'aiuto ad altri. Tu invece ti sei sempre mostrato disponibile con chiunque volesse chiederti un consiglio o semplicemente discutere con te della propria esperienza e questa tua disponibilità è sicuramente un pregio non così comune.

    RispondiElimina